Generazione d’Industriaorgoglio delle imprese

La Prealpina - 09/06/2016

«Insieme, scuole e imprese, ci siamo dati un obiettivo molto ambizioso: quello di promuovere la cultura industriale». Ha aperto così a Ville Ponti la cerimonia di premiazione (foto Blitz) del progetto Generazione d’Industria, Tiziano Barea, vicepresidente dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese. «Stiamo perseguendo questo obiettivo grazie all’impegno diretto e, soprattutto, all’entusiasmo di tanti: docenti, tutor, imprese, oltre a Provincia e Ufficio Scolastico Territoriale che, cinque anni fa, hanno firmato con noi un protocollo di intesa per condividere il progetto».

Un grazie speciale è andato ai ragazzi, protagonisti dell’iniziativa nata nel 2011 per avvicinare il mondo della scuola a quello industriale. diffondendo una nuova cultura d’impresa. Ben 55 le borse di studio date ai migliori studenti dei 17 istituti tecnici della provincia di Varese e consegnate da 33 imprese del territorio. Un’iniziativa, quella di Generazione d’Industria, che ha anticipato la legge cosiddetta della Buona Scuola, con la quale è diventato obbligatorio, per tutti gli studenti, un periodo di formazione in alternanza scuola lavoro. Generazione d’Industria però non è stato, e non è, solo questo: è un’iniziativa stabile di interscambio culturale tra aziende e istituti tecnici, un cambio di paradigma che cerca di declinare ogni giorno nel concreto azioni pratiche e tese a valorizzare i talenti dei ragazzi. Ma non solo.

Anche aggiornamento del corpo docente, visite aziendali, lezioni in aula tenute da rappresentanti delle imprese. Il progetto èin espansione e da settembre si è aperto, anche agli istituti economici. In chiusura sono stati premiati anche altri 40 ragazzi. con il riconoscimento di Bticino per il progetto Bticino in Cattedra.