Gavirate sfida il mondo alle regate di Londra

Nulla è mancato ieri nell’aula Salvini dell’Isis “Stein” per celebrare in modo festoso e significativo la presentazione degli studenti atleti che parteciperanno alle regate di Londra che si terranno il 15 e il 18 marzo prossimi. Un momento augurale che ha visto una partecipazione entusiasta all’insegna dello sport, della cultura e dell’altruismo. C’era un motivo perché tra il pubblico ci fosse un parterre eccezionale di atleti che hanno scritto la storia del canottaggio italiano: il fatto che l’istituto gaviratese è l’unico in Italia a partecipare all’appuntamento internazionale rappresentato dalle due regate sul Tamigi e a Eton. Ad applaudire, c’erano in prima fila Sara Bertolasi, olimpionica a Londra 2012 e Rio 2016, Pierpaolo Frattini, olimpionico ad Atene 2014, Londra 2012, Rio 2016, campione del mondo 2011, Simone Raineri, campione olimpionico Sydney 2000, Gianluca Farina, campione a Seoul 1988 e bronzo Barcellona 1992, Giovanni Calabrese, D.T. conottieri Gavirate e bronzo Sydney 2000.

Il “motore” di questo evento è rappresentato dal prof. Renato Gaeta, insegnante dell’Istituto, olimpionico a Los Angeles 1984 e a Seoul nel 1988. Perché questo momento fosse di di buon auspicio, i ragazzi, i docenti e i genitori presenti hanno potuto ammirare tutte le medaglie guadagnate dai campioni, poste in un vassoio. L’incontro, moderato da Luca Broggini, vicepresidente Federazione Italiana Canottaggio Lombardia, è stato aperto dal coro dello Stein, diretto dal maestro Massimo Mitrio che ha cantato “The sound of silence.” «Una scuola che vive le eccellenze dei propri studenti», così è stata definita dalla dirigente Francesca Maria Franz, per l’occasione ha visto la presenza di Luciano Magistri, vice presidente Fic, Fabrizio Quaglino, presidente Fic Lombardia, Giorgio Ongania, presidente ASD Canottieri Gavirate, che hanno sottolineato quanto la carta vincente sia rappresentata dalla squadra, allenata dall’“inossidabile” Gaeta, che per il sesto anno consecutivo partecipa alle regate «con l’onore di solcare le acque londinesi. Quest’anno -ha sottolineato- l’impegno è stato notevolissimo, giacché sono due le regate a cui noi parteciperemo». Un aspetto che da più parti è stato sottolineato è l’impegno economico di diversi sponsor. «Questo condensato di energia ha una stella cometa -ha evidenziato Broggini- rappresentato dalla signora Ida. I figli per tenerne viva la memoria hanno appoggiato in modo determinante l’iniziativa». Sullo striscione in sala queste parole: «Voglio però ricordarti come eri, pensare che ancora vivi. Voglio pensare che come allora mi ascolti e che come allora sorridi». Dopo l’inno italiano la consegna delle maglie all’equipaggio femminile formato da Martina Barili, Vittoria Calabrese, Ludovica Mondini, Alice Codato, Sara Crivello, Matilde Barison, Beatrice Luvini, Matilde Giffoni. Equipaggio maschile: Federico Strobbe, Massimiliano Coppa, Francesco Cataffo, Alessandro Timpanaro, Gabriele Cataffo, Diego Paroli, Nicolò Bizzozero, Elia Simonetta.