Gallarate Paghi on line? La Tari è più leggera

La Provincia Varese - 08/05/2017

È tempo di pagare la Tari e, da quest’anno, è tempo anche di sconti. Infatti, i contribuenti gallaratesi che si iscriveranno al sistema LINKmate potranno usufruire di uno sconto che aumenterà per tutti coloro che decideranno di pagare la Tari attraverso PagoPA. Una decisione che rientra nel piano di semplificazione delle procedure per il pagamento delle utenze comunali e non solo che, durante la campagna elettorale è stata uno dei punti programmatici del sindaco Andrea Cassani. «Nel mese di aprile – spiega l’assessore al Bilancio Moreno Carù – è stata effettuata la bollettazione della Tari 2017 per tutti i contribuenti con l’emissione di oltre 25600 bollettini con la possibilità di pagamento attraverso il sistema PagoPA. Il dato ci pone tra i primi se non il primo Comune d’Italia. Si pensi infatti che Milano, in via sperimentale, uscirà con appena un migliaio di bollettini». La giunta guidata da Cassani ha deciso di premiare con una riduzione dell’imposta sui rifiuti gli utenti che decideranno di affidarsi alla tecnologia per il pagamento. Ma a quanto ammonta lo sconto per chi sceglie LINKmate? Cinque euro sulla tassa ed altri cinque euro di “bonus” per chi paga con PagoPA tramite carta di credito oppure home banking. «Ci è sembrato giusto – aggiunge il vicesindaco Carù – incentivare l’adesione al sistema perché è importante abituare tutti all’uso di tecnologie che aiutano a rendere più facile e immediato il “rapporto” tra cittadino ed ente pubblico. E poi, dato non secondario, smaltendo le code agli sportelli daremo la possibilità ai nostri impiegati, che ringrazio, di avere più tempo per le attività di back office». La prima data da segnare in rosso sul calendario per la scadenza della Tari è il 31 maggio e la seconda è il 31 ottobre. «Ci sarà tuttavia la possibilità di pagare tutto anche in un’unica soluzione entro il 31 ottobre» prosegue il numero due dell’esecutivo. Prima della pausa estiva verrà attivato PagoPA anche per le mense scolastiche e gli asili nido o per i rimborsi dovuti al Comune. «A luglio, con la probabile liberalizzazione – conclude Carù – Valuteremo se sarà possibile utilizzare PagoPA anche per Imu e Tasi». Piccoli passi verso l’obiettivo di trasformare la città dei Due Galli in una vera e propria “Smart City”