Gallarate: «Agevolazioni fiscali per chi apre»

La Prealpina - 13/02/2017

A un 2017 iniziato con una serie di chiusure di negozi, anche storici, Gallarate risponde con due inaugurazioni in un giorno solo.

Un segnale di ottimismo che non vuole rimanere una goccia nel deserto, anche grazie all’intervento amministrativo: «Anche noi vogliamo dare una mano» annuncia il sindaco Andrea Cassani. «A tutti coloro che si impegnano ad aprire un’attività a Gallarate, va un grosso ringraziamento da parte nostra – conferma il capo della giunta, presente sabato sera all’inaugurazione del Coffee Food & Drink Mimì e Cocò in via Giordano Bruno – L’impegno politico vuole essere concreto, ma «Senza la volontà e l’intraprendenza dei privati investitori non potremmo rilanciare la città».

Il fatto che il Comune voglia metterci del suo per incentivare nuove aperture è un concetto che il sindaco rimarca più volte, così, alla fine, si sbilancia e annuncia quel che bolle in pentola: «L’assessore alle Attività Produttive, Claudia Mazzetti, sta studiando agevolazioni fiscali per le nuove attività». Una mossa che permetterebbe, soprattutto ai più giovani, di avere quel pizzico di coraggio in più per credere nel futuro imprenditoriale, anche in questo periodo di crisi».

Che siano progetti interamente nuovi, come Madeline, Amore di Pasticceria, o che siano rinascite di locali già esistenti a cui è stata data nuova vita, come per il Mimi & Cocò, cambia poco: l’importante è che si dia vita alle vie della città.

Proprio al progetto di quest’ultimo locale ha lavorato l’architetto Paolo Brufatto, che conferma quanto gli aiuti di questo tipo siano la chiave per sostenere il commercio. «In un periodo drammatico per la città di Gallarate, con le continue chiusure di negozi e attività, vedere riaprire un contesto come questo è un motivo di gioia – spiega – Se davvero ci fossero un po’ di alleggerimenti burocratici per chi si lancia in queste sfide, ci potrebbero essere più spesso eventi così».

La scelta di Gallarate, poi, non è stata casuale in nessuna delle due aperture. Per Federica Sartori, titolare del bar di via Giordano Bruno, si è trattato di un entusiasmo rinato «Dopo aver visto lo street food» racconta. «Sono riuscita a mettere qui le radici e ora voglio offrire qualcosa di nuovo alla città dei Due Galli, con un locale per gli aperitivi invernali dove si possa anche stare seduti al tavolo e socializzare». Con la pasticceria Madeline, invece, si punta tutto sui rioni, in questo caso, Arnate. «Aprire in via Chiecchi è stata una scelta voluta – confermano Carlotta e Isabella – E da martedì partiamo a pieno regime».