Fiera, fiducia nel futuro

La Prealpina - 10/09/2022

La voglia di Fiera è tutta nelle cento persone che, alle ore 17.50 di ieri, si sono ritrovare accalcate davanti all’ingresso dell’evento della Schiranna, in attesa dell’apertura in programma alle 18. A due passi è in corso uno splendido tramonto sul Lago di Varese. Non lontano parte la ciclabile con la sua passeggiata. Invece no: loro sono lì solo e soltanto per la Fiera. «Ci vengo sempre – racconta una signora – e questi due anni mi era mancata».

E così, come avviene per un concerto, non appena si sono aperti i cancelli, il serpentone di gente in attesa, si è riversato dentro, perdendosi tra i centoventi stand allestiti e che resteranno in riva al Lago di Varese fino al 18 settembre.

Dopo due anni di stop, la Fiera di Varese è tornata: «La novità? – ha ammesso Michela Ferro degli organizzatori di Chocolat pubblicità – è che siamo vivi, siamo qua». Merito di chi organizza, ma anche degli espositori che ci hanno creduto e delle istituzioni locali, che hanno contribuito, anche e soprattutto economicamente. D’altronde il settore fieristico è uno di quelli che ha sofferto di più in epoca di pandemia. Mentre l’edizione 2022, costi delle bollette permettendo, doveva essere l’edizione della ripartenza: «Abbiamo superato tanti problemi – ha detto il presidente della Regione Attilio Fontana – ora ce ne sono altri da affrontare. Speriamo che l’Europa si faccia sentire, nel frattempo un applauso va al nostro territorio che, qui, mostra ancora una volta la sua voglia di fare».

Il tutto in un evento la cui riproposizione non era per niente scontata: «Siamo stati combattuti – ha rivelato il sindaco Davide Galimberti – sull’organizzazione di questa edizione, ma bisognava dare un segnale per dare l’opportunità al mondo economico di esibire il meglio della nostra provincia e dare un’iniezione di fiducia».

Anche perché, come ha ricordato Fabio Lunghi, presidente della Camera di Commercio, «dopo tre eventi nefasti, si dice che arrivino sette anni floridi. Di certo, oggi alle imprese serve un prezzo calmierato dell’energia. E presto». L’ente camerale, in Fiera, offrirà con l’Associazione dei costruttori edili una sorta di sportello informativo sui bonus legati al mondo degli immobili: «Nonostante quello che si dice – ha sottolineato Massimo Colombo, presidente di Ance Varese – i bonus ci sono ancora e sono una grande opportunità, che siamo qui a spiegare ai cittadini».

In un parterre ricco di autorità civili, militari e di moltissimi candidati e politici in carica di ogni schieramento, il vicesindaco Ivana Perusin ha invece ricordato «l’importanza di alcuni sostenitori con una forte vocazione alla sostenibilità ambientale», mentre il prefetto Salvatore Pasquariello si è augurato il superamento della «tempesta perfetta in corso, caratterizzata da pandemia, guerra e inflazione».

Un augurio a cui si sono associati tutti, a partire dalla Famiglia Bosina e da monsignor Luigi Panighetti che hanno concluso la cerimonia rispettivamente con una poesia dialettale e con la benedizione. Poi il taglio del nastro che ha dato il via ai dieci giorni durante i quali la Fiera della Schiranna sarà il cuore pulsante di Varese.

Edilizia, sposi, benessere e buon cibo

Tre saranno le aree speciali di questa edizione della Fiera di Varese, a partire da uno spazio dedicato al recupero del patrimonio edilizio, in collaborazione con la Camera di commercio, con l’obiettivo di fornire informazioni sulle novità nell’utilizzo dei bonus fiscali, sulla qualità e la sicurezza in cantiere, sui prezzi delle materie prime e sugli altri temi di attualità per il settore, mentre l’Associazione costruttori edili della provincia di Varese sarà presente con un’attenzione sul tema dell’efficientamento energetico.

Gli altri due progetti confluiscono in un’unica area che, fino al 12 settembre, ospiterà lo Speciale sposi, uno spazio per chi deve affrontare l’organizzazione del matrimonio, dove trovare idee e soluzioni tradizionali e originali grazie ai wedding planner presenti con dimostrazioni, degustazioni e proposte creative. Dal 14 al 18 settembre toccherà invece allo Speciale benessere, con l’esposizione e la vendita di prodotti, esibizioni, prove pratiche di gruppo e conferenze in cui si tratteranno discipline olistiche, alimentazione biologica, abbigliamento ecologico, attrezzature per il tempo libero, antichi rimedi naturali, architettura ecosostenibile, Feng Shui e tanto altro.

Il settore del gusto, decisamente apprezzato anche gli scorsi anni, prevede un menu basato sullo street food con bombette pugliesi, gnocco fritto, hamburger di fassona, pizzoccheri, lasagne, fritto misto, polpette, sbrisolona, arrosticini abruzzesi, panzerotti, frittelle, churros, il tutto innaffiato da birre artigianali.

Il tendone sarà animato ogni sera dalla presentazione di alcune associazioni sportive del territorio, mentre i talk show dell’Area incontri, condotti da Morena Zapparoli Funari, vedranno la presenza della criminologa Roberta Bruzzone (mercoledì alle 19) e della scrittrice Marina Di Guardo, mamma di Chiara Ferragni ((giovedì, ore 19).