Federmanger Varese in aiuto ai giovani laureati: 9 mila euro in borse di studio

Malpensa24 - 22/02/2021

Un’opportunità in più per i giovani neolaureati in provincia di Varese. Così l’associaizone Federmanager Varese indice anche quest’anno tre premi di laurea dal valore complessivo di 9 mila euro. «Il nostro obiettivo è valorizzare il merito e diffondere la cultura manageriale», ha spiegato il presidente Eligio Trombetta.

Come iscriversi
C’è tempo fino al 30 aprile 2021 per partecipare al bando promosso da Federmanager Varese che istituisce anche quest’anno 3 premi di laurea del valore di 3 mila euro ciascuno, destinati a tre giovani studenti residenti nella provincia di Varese e che abbiano conseguito la laurea magistrale in ambito ingegneristico, economico/gestionale e scientifico, con discussione della tesi entro il 31 marzo 2021.

L’iniziativa è stata promossa dall’associazione dei Dirigenti Industriali in memoria di tre grandi personalità dell’industria varesina: Ermanno Bazzocchi, progettista aereonautico e manager di spicco, Giuseppe Tanzi, presidente “storico” dell’associazione e Santino Pancotti, dirigente premiato con Laurea ad Honorem in Ingegneria Aerospaziale per la sua straordinaria attività progettuale nel settore elicotteristico.

Sostegno ai giovani
L’obiettivo è sostenere e incentivare i giovani che vogliano investire nella propria formazione tramite un riconoscimento economico che verrà consegnato ai vincitori in occasione dell’assemblea annuale dell’associazione alla presenza dei componenti della Commissione aggiudicatrice, composta da rappresentanti di Camera di Commercio di Varese, Unione degli Industriali della Provincia di Varese, Università degli Studi dell’Insubria, Liuc Università Carlo Cattaneo, e Federmanager Varese.

Valorizziamo il merito
«Come Federmanager Varese – sottolinea il presidente Eligio Trombetta – investiamo più sui giovani talenti, con i premi di laurea e le borse di studio assegnati ogni anno. Valorizzare il merito è per noi un impegno costante e dimostrazione di coerenza con la nostra cultura manageriale».