Esplosiva e coinvolgente la Fiesta per l’Indipendenza di Cuba a LatinFiexpo

“E’ un piacere essere qui ed assistere a questa grande festa che coinvolge non solo i cittadini cubani, ma anche tanti ragazzi del territorio. Questo è un Festival dei Popoli. LatinFiexpo avvicina diversi popoli e ci fa conoscere gli usi e le tradizioni. Dopo il Brasile, il Venezuela oggi tocca a Cuba e devo dire che stasera la musica, la passione è esplosiva. Io ho un caro amico cubano e sono stato a casa sua: la loro accoglienza, voglia di vivere, che si respira anche qui, è impareggiabile. E’ un regalo alla città di Busto”. Sono queste le parole dell’assessore alla sicurezza del Comune di Busto Arsizio Massimo Rogora con signora e figlie in rappresentanza del Sindaco Antonelli (impedito a partecipare per impegni istituzionali programmati) che non ha voluto mancare all’appuntamento realizzato dal ristorante Guantalamera e da MiCuba e da Felice di Meo, patron di LatinFiexpo e seguito da Anna Baldassari, responsabile della comunicazione del LatinFiexpo Malpensa Fiere, presente anche Stefano Ferrario ex-vicesindaco.

Festa indipendenza cuba latinFiexpo 2019 04Ernesto, responsabile del ristorante-spazio Guantalamera, che ci ha accolto da “ambassador”, aggiunge: “E’ un piacere averVi nostri Ospiti e farVi assaggiare e “vedere” la nostra cultura attraverso il cibo, i nostri balli, la nostra energia. E’ proprio bello vedere i nostri cittadini confrontarsi con i ragazzi di Busto”. Anche le istituzioni cubane hanno apprezzato l’iniziativa ed hanno supportato il progetto che ormai sta crescendo e travalica il territorio “bustocco”, grazie alla “vision” di Felice Di Meo deus ex machina del festival che ha concluso: “E’ bello vedere tanta gente che apprezza le nostre proposte. La cultura ed il divertimento sono gli strumenti per conoscere i popoli”

Festa indipendenza cuba latinFiexpo 2019 04

Entrando nel merito della Fiesta, il valore è la Indipendenza dal dittatore cubano Fulgencio Batista da parte del Movimento del 26 di luglio, spesso abbreviato in “M 26-7” e l’ascesa al potere di Fidel Castro. Tutto ebbe inizio con l’assalto alla Caserma Moncada, avvenuto il 26 luglio del 1953, e finì il 1 gennaio del 1959, con la fuga di Batista da Cuba; Santa Clara e Santiago di Cuba furono prese dalla milizia popolare (Ejército Rebelde) guidata da Fidel Castro ed Ernesto Che Guevara.

Ed i cubani e l’organizzazione della esperta Anna Baldassari, l’hanno voluto festeggiare presso l’area MiCuba con tanti eventi nell’evento.

I tumbadoras cubanas hanno coinvolto con “La Conga” per le vie del Festival, il ballo popolare cubano di origine africana caratterizzato da un ritmo sincopato e ritmato dalle percussioni.

Il Ristorante Guantanamera ha preparato “la caldosa”, piatto simbolo della cucina cubana: una zuppa realizzata a base di pollo e patate che sarà offerta a tutti i cittadini cubani mentre Mi Cuba, l’area ballo del Festival dedicata a Cuba, ha offerto il caratteristico Mojito.

Festa indipendenza cuba latinFiexpo 2019 04La speciale serata è stata accompagnata dall’artista cubano Guillermo Dario Espinosa, cantante della Maxima e rappresentante di Salsa, Bachata, Bolero e di tutte le varie espressioni della musica cubana. E poi per finire Rhum di qualità e un salto alla Mojiteria.

Insomma una Fiesta di tutti per tutti per onorare degnamente la Fiesta dell’Indipendenza.