Economia circolare, la Liuc diventa “green”

Economia circolare, gestione sostenibile dei rifiuti, della mobilità, dell’energia, della logistica green: sono solo alcuni dei temi toccati all’interno del primo Green Day della Liuc – Università Cattaneo, collegato al Festival dello Sviluppo Sostenibile in corso in questi giorni in tutta Italia con centinaia di eventi. Una giornata concepita nell’ambito delle tante iniziative che l’Università sta portando avanti sul fronte della sostenibilità, a partire dalla sua presenza all’interno della Rus (Rete delle Università Sostenibili): un sodalizio che, come ricordato da Eleonora Perotto, coordinatrice del Gruppo di Lavoro Rifiuti della Rus, riunisce 88 università italiane e lavora per incrementare la presenza di questi temi negli statuti e nei piani strategici degli atenei, per incentivare lo sviluppo di unità organizzative sul tema e per creare figure dedicate, come il sustainability manager. Il tutto attraverso una serie di tavoli dedicati a energia, rifiuti, mobilità, cambiamenti climatici, educazione e cibo.

«Gli obiettivi – spiega Giorgio Ghiringhelli, docente Liuc e promotore di numerose iniziative a sostegno della Rete delle Università Sostenibili – sono molto concreti e riguardano aspetti strettamente operativi della vita universitaria, affinché gli Atenei diventino “officine della sostenibilità” per i loro territori». La Lombardia è la seconda regione italiana per performance sulla gestione dei rifiuti urbani e la Provincia di Varese la terza in Lombardia: dati positivi sui quali nel corso del Green Day si sono confrontati rappresentanti di enti e imprese del settore. Tra di loro, l’Assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, che ha ricordato alcuni dati: “In Lombardia la gran parte dei rifiuti (60,9% ovvero il +2,1% rispetto al 2016) è materiale che viene recuperato. Il 24,1%, in calo, è conferito ai termovalorizzatori».