Due manifestazioni di interesse per l’Nms

La Prealpina - 04/07/2017

Il futuro del centro ricerche farmaceutiche di Nerviano impegnato nella lotta contro il cancro è adesso. Meglio ancora, oggi. Proprio oggi, infatti, all’incirca all’ora di pranzo, nella sede milanese della Fondazione Regionale per la Ricerca Biomedica, saranno aperte le buste dei potenziali investitori che hanno risposto al bando di vendita di Nms Group Srl voluto da Regione Lombardia, proprietaria dei laboratori nervianesi per tramite di Frrb.

Sono due le offerte vincolanti pervenute (rigorosamente in busta chiusa e anonima) a Leonardo&Co, l’advisor finanziario dell’intera operazione, entro il 30 giugno.

Per la cronaca, l’apertura pubblica delle due buste avverrà in via Taramelli alle 13 alle presenza anche di tutte le parti in causa, compresa una delegazione della Rappresentanza sindacale unita aziendale.

Come è giusto che sia -verrebbe da dire -, perché gli oltre cinquecento lavoratori guardano con una certa apprensione all’iter che dovrebbe condurre all’inevitabile privatizzazione del Gruppo Nerviano Medical Sciences, che Regione Lombardia (allora capitanata dal governatore Roberto Formigoni) acquisì nel Natale 2010 dalla Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione.

Nella stessa nota apparsa sul proprio sito con cui è stata resa di dominio pubblico la notizia della chiusura della “manifestazione di interesse” circa la cessione del centro di Nerviano, la Fondazione Regionale per la ricerca Biomedica ha informato Leonardo&Co e il Gruppo Nms di aver ricevuto presso la propria sede – e quindi in maniera difforme rispetto a quanto previsto dalla procedura comunicata agli investitori – una terza busta. Tuttavia, la busta del terzo potenziale acquirente, data la difformità della procedura adottata, è stata per forza di cose esclusa dal bando di acquisizione di una struttura – è bene ricordarlo – tenuta in vita da una sistematica attività di finanziamento da parte di Palazzo Lombardia, in barba a una ricerca scientifica di assoluta qualità.