Dopo il restauro riapre il santuario E porta in dono affreschi mai visti

La Provincia Varese - 27/02/2017

Dopo un anno e mezzo di
lavori, verrà riaperto oggi al
culto e ai visitatori lo splendido
santuario dedicato a
Santa Maria Assunta a Bregano.
Un intervento di restauro
non più rinviabile ha
ridato nuovo colore alla piccola
chiesetta, a cui tutti i
breganesi sono da sempre
molto affezionati.
Durante l’intervento sono
venuti alla luce anche degli
affreschi risalenti al secolo
scorso, dov’è rappresentata
una scena d’adorazione di
angeli nei confronti del Santissimo
Sacramento. Quella
di oggi, per la comunità cristiana
di Bregano sarà una
giornata da ricordare: il programma
prevede, alle 15.30,
anche la celebrazione di una
messa solenne presieduta da
monsignor Mario Delpini, vicario
generale della Diocesi
di Milano, alla quale saranno
presenti anche le autorità civili.
Al termine della celebrazione,
la festa proseguirà con
un’apericena organizzato
dalla parrocchia breganese,
guidata da don Marco Longoni
nel salone dell’oratorio.
I festeggiamenti proseguiranno
anche alla sera, alla
presenza del vicario di zona
monsignor Franco Agnesi,
che interverrà prima del concerto
di musica del coro Val
Tinella diretto dal maestro
Sergio Bianchi.
Gli affreschi risalgono al secolo scorso e rappresentano d’adorazione di angeli verso il Santissimo Sacramento
Dopo un anno e mezzo di
forza chiusura dovuto alla
presenza del cantiere per il
restauro del santuario, i fedeli
e i visitatori potranno di
nuovo tornare a frequentare
questo bellissimo e storico
luogo di culto, restituito alla
sua antica bellezza.
I lavori sono stati diretti
dall’architetto Angela Baila e
hanno riguardato anche il
consolidamento della struttura,
oltre al rifacimento dell’impianto
elettrico. Quello
che maggiormente colpisce è
il ritorno dei colori originali
del santuario che anni di incuria
avevano annerito.
La vera “chicca” che potrà
essere ammirata oggi dal
pubblico è la scoperta di affreschi
risalenti al secolo
scorso, i quali, grazie ai lavori,
sono stati riportati alla luce.
L’intervento di restauro è
stato reso possibile grazie al
generoso contributo dei fedeli
breganesi, al quale si sono
aggiunti quello della Conferenza
Episcopale Italiana
per 75 mila euro e quello della
Fondazione Ubi per 20 mila
euro.
Il piccolo santuario di Santa
Maria Assunta, la quale è
anche patrona della comunità
di Bregano, tornerà anche
a ospitare la statua della Vergine
Assunta,alla quale i breganesi
sono molto legati, che
durante i lavori di restauro
aveva trovato ospitalità nel
salone dell’oratorio