«Defiscalizzazione mirata contro le tasse sul lavoro»

La Provincia Varese - 16/06/2017

Visita ieri mattina alla storica azienda Ratti di Cassano Valcuvia, impresa specializzata nel settore meccanotessile, da parte del presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo. All’incontro promosso da Confartigianato Imprese Varese hanno partecipato anche Davide Galli, presidente dell’associazione di categoria e la responsabile della sede territoriale Luino e Laghi Lorenza Costantini. Diversi i temi emersi nel corso della visita tra gli ospiti e i proprietari della Ratti, Giovanni, Stefano e Andrea Locatelli. Un piano di defiscalizzazione mirata per il lavoro straordinario, il miglioramento del sistema di alternanza tra scuola e lavoro e maggiori misure per l’inserimento di persone con disabilità, attraverso un sistema di contratti agevolati. Questi gli argomenti principali toccati; Confartigianato Varese ha organizzato una serie di visite nelle aziende del territorio e quella di ieri alla Ratti è stata l’ultima tappa di questo viaggio. La Ratti ha ventisette dipendenti e un’esperienza consolidata nel settore del meccanotessile; l’azienda è stata salvata nel marzo del 2010 dal fallimento, grazie alla determinazione degli attuali titolari, che hanno scelto di investire e scommettere su un marchio storico del territorio, seppure in un momento di piena crisi economica. «Il problema più urgente emerso dal confronto di oggi, è quello dell’eccessiva tassazione del lavoro dei dipendenti» ha affermato Cattaneo nel corso della visita. «Si tratta di un problema comune e nel momento in cui si sta ragionando sulla questione degli accordi fiscali, credo sia utile ripensare la tassazione sul lavoro straordinario attraverso una defiscalizzazione mirata» ha proseguito il presidente del consiglio regionale. L’area del luinese, in tema di occupazione e mercato del lavoro, risente molto della competizione con la Svizzera. «Per questo è necessaria più attenzione per questo territorio – ha affermato Cattaneo – così come per altre zone di confine della Lombardia. La realtà della Ratti è significativa: porta valore al territorio e ha saputo investire in un momento difficile, creando occupazione». La visita di ieri è stata l’ultima tappa di un programma conoscitivo di diverse aziende, con l’obiettivo di avere un quadro significativo dello stato di salute e dei problemi delle imprese locali. I dati, i contributi e le richieste sono stati registrati per la redazione di uno specifico dossier utile per il confronto con gli imprenditori che si terrà tra qualche settimana in consiglio regionale.