Dalla barca tutta varesina alla Coupe de la Jeunesse parte l’idea del Varese Lake Rowing

Varesenews - 06/08/2022

È terminato da pochi giorni il grande appuntamento di canottaggio sul lago di Varese, la manifestazione che per la prima volta in assoluto ha unito i mondiali Under19 e Under23 creando così un evento unico nel suo genere per organizzazione e numeri.


La scia positiva per l’ottimo risultato ottenuto dall’organizzazione è ancora vibrante nel mondo remiero, che a livello giovanile si appresta a un altro importante weekend di gara con la Coupe de la Jeunesse, nella località spagnola di Castelo de Mino, in Galizia, dal 5 al 7 agosto.
Con American Express puoi avere la quota gratuita* ogni anno. Scopri tutte le Carte.AD
Con American Express puoi avere la quota gratuita* ogni anno. Scopri tutte le Carte.
Scopri
American Express
info
Report video

Raccomandato da

Tra le formazioni convocate ci sarà una barca tutta varesina, l’otto femminile sarà composto da cinque atlete della Canottieri Gavirate e quattro della Canottieri Varese: Elisa Marcon, Anita Zasio, Arianna Zonda, Asia Bertolotti, Federica Thomazetto da Gavirate, Gaia Bulgheroni, Greta Bulgheroni, Julia Intraina e la timoniera Margherita Fanchi da Varese.

 

Questa convocazione ha fatto accendere una lampadina al presidente gaviratese Giorgio Ongania: «Intrecciare lo sport con il turismo, componendo una barca vincente che va in giro per il mondo e che veicola tramite il canottaggio il turismo sul lago di Varese».

«Quando mi sono incontrato con il presidente della Canottieri Varese Mauro Morello a fine anno – spiega Ongania -, abbiamo pensato a tante cose, tra le altre che una barca importante tutta varesotta che partecipi a grandi eventi in tutto il Mondo con il marchio “Lago di Varese” ben visibile per attrarre visibilità. L’idea quindi è quella del progetto Varese Lake Rowing, dall’attività remiera ai visitatori sul nostro territorio promuovendo la nostra attività di eccellenza. Come società sportive possiamo mettere a disposizione gli elementi, poi però serva tutto il resto per promuoverlo. Mi rivolgo in particolare a Camera di Commercio e a Varese Sport Commission, con i quali abbiamo già scambiato qualche parola, sperando che questo progetto possa andare in porto».