Crisi demografica ed emigrazione, le giovani imprese calano del 12% – Giovani imprenditori in calo nella regione: -12% dal 2015 a oggi

Crisi demografica ed emigrazione, le giovani imprese calano del 12%

Tendenza. ll tasso di natalità sul territorio è arrivato al 6,6% mentre 15 anni fa era superiore al 10. L’invecchiamento della popolazione si ripercuote in modo negativo sul sistema produttivo anche se la regione continua ad essere la prima per imprenditori under 35 3 rima regione italiana per Pil, esportazioni e numero di imprese, la Lombardia conta anche il maggior numero di aziende con partecipazione di maggioranza o proprietà in mano prevalentemente a soggetti con meno di 35 anni di età. Si tratta di 67.969 realtà, su un totale italiano di 449.921, contro le 56.551 della Campania e le 38.263 della Sicilia – rispettivamente al secondo e terzo posto. Tuttavia, questa regione non è immune dagli effetti del calo demografico che interessa tutto il Paese e dal fenomeno dell’emigrazione dei giovani, che cercano all’estero migliorie più redditizie occasioni professionali. Fenomeni che si ripercuotono anche sull’imprenditoria giovanile, che registra infatti un calo del 12% dal 2015 al 2023. Tuttavia, mentre a livello nazionale si rileva un progressivo e costante calo nel periodo considerato (-18%), in Lombardia si rileva un diminuzione meno marcata (-12%) e con una lieve crescita nel biennio postpandemia 2021-2022, in controtendenza rispetto allo scenario italiano. Sono i numeri di una ricerca elaborata da Confindustria Lombardia, in occasione del Terzo Main Regional Summit dei Giovani imprenditori Lombardia che si è tenuta a Mantova lo scorso mercoledì, a partire da dati StockView-Movimprese-Infocamere. Altri dati allarmanti riguardano la percentuale di Neet che, sebbene inferiore al dato nazionale, è comunque al 10,6%. Mancini —a pagina 3 Giovani imprenditori in calo nella regione: -12% dal 2015 a oggi Competitività. Studio di Confindustria Lombardia: il territorio si conferma primo in Italia per numero di aziende guidate da under 35 (quasi 68mila) Tra le cause, crisi demografica e ostacoli alla carriera, che spingono molti giovani a emigrare Giovanna Mancini 1 problema esiste ed è serio: il progressivo invecchiamento della popolazione italiana – frutto sia del calo delle nascite, sia della decisione di molti giovani di emigrare all’estero in cerca di migliori condizioni di lavoro e di vita – si ripercuote in modo pesante sul sistema produttivo. Non solo per la carenza di manodopera spesso denunciata dalle imprese, ma anche per la carenza di nuovi imprenditori. La Lombardia – che in Italia si distingue nettamente per quantità e solidità di start up giovanili – ha sicuramente numeri migliori rispetto alla media nazionale, ma non sfugge a questo fenomeno che rischia di compromettere la crescita del Paese nei prossimi decenni. La conferma arriva da una ricerca elaborata da Confindustria Lombardia – in occasione del Terzo Main Regional Summit dei Giovani imprenditori Lombardia che si è tenuta a Mantova lo scorso mercoledì – a partire da dati StockViewMovimprese-Infocamere. Nel 2023la regione è saldamente la prima a livello nazionale per numero non solo di imprese (815.400, di cui 85.600 manifatturiere, ovvero il 21% del totale nazionale), ma anche di imprese giovanili, ovvero con parte *** cipazione di maggioranza o proprietà in mano prevalentemente a soggetti con meno di 35 anni di età. Si tratta di 67.969 realtà, su un totale italiano di 449.921, contro le 56.551 della Campania e le 38.263 della Sicilia – rispettivamente al secondo e terzo posto. Tuttavia, la serie storica dal 2015 al 2023 evidenzia il progressivo e costante calo a livello nazionale (-18%), che riguarda anche la Lombardia, sebbene con un diminuzione meno marcata (-12%) e con una lieve crescita nel biennio post-pandemia 2021-2022, in controtendenza rispetto allo scenario italiano. La Lombardia è certamente il territorio italiano più favorevole alla nascita e sviluppo di imprese giovanili, come dimostra anche la vivacità delle start up nella regione, che conta il 25% degli incubatori nazionali (57 nel 2023, contro i 29 dell’EmiliaRomagna e i 22 del Lazio) e il 50% delle nuove imprese collocate in particolare nella città metropolitana di Milano, prima in Italia per creazione di start up. Tuttavia nemmeno la Lombardia sfugge al problema del calo demografico: il tasso di natalità è in costante calo dal 2009 ed è sceso lo scorso anno al 6,6, mentre 15 anni fa era superiore al io. Meno accentuato, rispetto al dato nazionale, il problema dell’emigrazione dei cittadini con età compresa tra i i8 e i 39 anni, che in Italia risulta in diminuzione dal 2019 come numeri complessivi, ma se si guarda solo ai giovani di origine italiana, il fenomeno dei giovani che lasciano il Paese è in ripresa dopo il Covid. In particolare, i nostri connazionali che sono emigrati all’estero lo scorso anno sono stati 61.477 (dati Istat), scegliendo come prima destinazione la Germania (8.411 persone), seguita da Regno Unito (8.235), Svizzera (6.434), Spagna (4.693), Francia (4,568) e Paesi Bassi (2.816). Gli Stati Uniti compaiono solo al settimo posto, con 2.702 giovani italiani trasferiti. Un quadro non certo incoraggiante e non è sufficiente, per la Lombardia, essere la regione italiana più produttiva e attiva, con un tasso di occupazione (69,3% nel 2023) superiore al dato nazionale. Il confronto con le altre principali regioni industriali europee (Auvergne- RodanoAlpi, Catalogna, Baden-Württemberg e Baviera) mette in luce che si tratta comunque del tasso più basso, tra i territori motore industriale d’Europa, con un differenziale di io punti percentuali rispetto alle due regioni tedesche. L’incidenza dei NEET (coloro che non studiano né lavorano) tra i giovani di età fra i 15 e i 29 anni in Lombardia è stata del 10,6% nel 2023, contro una media italiana del 16,1%, che ha punte del 27,2% in Calabria e del 27,9% in Sicilia. Uno dei risultati migliori in Italia (assieme alle Marche), ma fanno meglio il Trentino-Alto Adige (8,8%), la Valle d’Aosta (9,9%), il Veneto e l’Umbria (entrambe 10,5%). I giovani restano tuttavia ottimisti, come mette in luce una ricerca realizzata da Eumetra e UniveristyBox per conto dei Giovani imprenditori di Confindustria Lombardia, condotta su un campione di studenti universitari lombardi: il 37% del campione si dichiara «molto ottimista» sulla possibilità di raggiungere i propri obiettivi, mentre un altro 40% lo è «moderatamente». Tuttavia, il 24% di loro immagina oltreconfine il proprio futuro lavorativo. E se è vero che un buon 43% intende cercare lavoro in Italia come prima scelta, c’è un 33% di incerti, che probabilmente, nel momento della scelta, si farà guidare dalle proprie aspettative, principalmente le prospettive di carriera e la retribuzione, ovvero le due principali voci indicate dal campione come criteri nella scelta della futura occupazione. Primato italiano Con 815.400 aziende attive nel 2023, di cui 85.600 manifatturiere, la Lombardia è prima in Italia per numero di Pmi IL CONFRONTO IN EUROPA Pur essendo la regione italiana con il più elevato tasso di occupazione complessiva (il 69,3% nel 2023) e una percentuale di Neet (10,6%) molto inferiore alla media nazionale, la quota di occupati è inferiore a quella delle altre principali regioni industriali europee, con le tedesche che hanno un tasso superiore di 10 punti