Corri con Samia 2020: 180 atleti per la corsa virtuale con solidarietà reale

Varesenews - 08/06/2020

Con le gambe e con il cuore! Così si è corsa la 6° edizione della Lago di Comabbio Run – Corri con Samia.

In tempi di “restrizioni Covid”, niente ritrovo, orario di partenza, luogo e percorso definito. Si corre per passione, con pochi amici. Si indossa un pettorale non per andare in griglia di partenza ma per testimoniare il proprio contributo ad una causa benefica.

PUBBLICITÀ

«Oggi l’importante era esserci, con un unico spirito di fratellanza e condivisione. Siamo molto soddisfatti della risposta dei runner: oltre 180 persone hanno partecipato ricordando Samia e contribuendo con quasi 4.000€ a sostenere le iniziative sociali del team keniano run2gether» così Marco Rampi di AFRICA&SPORT.

Grande la soddisfazione di Luciano Rech di GAM WHIRPOOL: «Abbiamo avuto una partecipazione trasversale: chi ha corso, chi ha camminato, chi ha pedalato in bici, chi sulla cyclette o addirittura chi ha nuotato. Un buon gruppo di runner del varesotto ha sfidato la pioggia battente e non ha rinunciato a correre sul percorso tradizionale della manifestazione, la pista ciclo-pedonale del lago di Comabbio. Altre hanno
partecipato dal Piemonte, dalla Liguria, dalla Toscana, dal Lazio, dall’Austria».

Archiviata questa edizione virtuale è già tempo di guardare avanti. «Siamo alla finestra. Vediamo come evolverà la situazione, ci piacerebbe ritornare alla “quasi” normalità della gara così come l’abbiamo sempre organizzate negli anni passati. Se solo ci fosse una possibilità non mancheremo di organizzarla entro l’anno.
Sennò appuntamento per tutti per domenica 6 giugno 2021» così all’unisono gli organizzatori.

Ancora una volta grazie a tutti i partecipanti ed agli sponsor che da anni sostengono la manifestazione: Whirlpool, Fondazione Comunitaria del Varesotto, ProAction, iovedodicorsa – CiaoRunner, Camera di Commercio di Varese – Varese Sport Commission, Avis Biandronno, CRAL Whirlpool, AIC Lombardia, Mera&Longhi, Marevivo Varese ed il design di Francesca Cecchini.