Confapi cambia direttore «Serve il gioco di squadra»

La Prealpina - 17/05/2017

Confapi cambia direttore «Serve il gioco di squadra»

varese (e.p.) Continua il percorso di rilancio e riassetto di Confapi Varese, l’Associazione piccole e medie industrie che dall’inizio dell’anno guarda al futuro con una squadra in parte rinnovata. Dopo il cambio della guardia con la nomina del nuovo presidente, Marco Tenaglia, il Consiglio direttivo ha nominato all’unanimità Piero Baggi direttore generale dell’associazione Confapi Varese e di Api Servizi Varese Srl. Una nomina – si legge in una nota – che «si pone come il giusto connubio tra continuità, innovazione e rafforzamento dei valori del capitale umano. Il vero valore è nel capitale umano». Un motto che contraddistingue tutte le fasi del cambio direttivo.

Una nomina che «riveste un’importanza strategica per il futuro dell’associazione e che rappresenta un importante passo in avanti nel processo di riorganizzazione».

Baggi, 55 anni, milanese ma varesino d’adozione, dalla vocazione giuslavorista, è responsabile delle relazioni industriali dell’associazione ed è da tempo una colonna portante del sistema Confapi: «Nella sua carriera quasi trentennale ha saputo contraddistinguersi per l’assoluta dedizione alle imprese e fedeltà all’associazione, coniugando professionalità e rigore». E ora il nuovo incarico, che dimostra la fiducia verso il professionista.

«Oggi – più che mai – afferma il neo direttore – in una società liquida, dove vengono meno i punti di riferimento per le imprese, vogliamo porci come interlocutore privilegiato per le Pmi, coniugando rappresentanza e servizi, attraverso un’associazione snella, flessibile e giovane, in cui trovare risposte ai loro bisogni, nuove opportunità di business, sostenerli in competitività, all’insegna della sana collaborazione».

È già tempo di stilare un primo programma, accanto al presidente e a tutto il Consiglio rinnovato. «Punterò sul gioco di squadra dei miei collaboratori, sul senso di appartenenza delle imprese, requisiti fondamentali per esaltare il valore dei nostri imprenditori».