Colpo di mercato in AimeCiavarrella nella squadra

La Prealpina - 27/09/2017

Gabriele Ciavarrella, per due anni e fino a poco tempo fa numero uno del Varese calcio, è il nuovo presidente del settore Salute, benessere e welfare di Aime Varese. L’Associazione imprenditori europei, come si dice nel gergo calcistico, ha messo a segno il “colpo del mercato”, presentando una figura di primo piano dell’imprenditoria e, recentemente, anche dello sport varesino.

Odontotecnico e poi imprenditore in grado di creare un’azienda che oggi segue circa 18.000 clienti nel settore dell’odontoiatria, Ciavarrella ha poi ampliato la Life anche al fitness e ai poliambulatori specialistici: «Il progetto che avviamo oggi – dice – vuole creare una rete di vantaggi per imprese e cittadini, grazie all’abbattimento dei tempi di attesa e dei costi per le spese sanitarie, alla creazione di pacchetti di prevenzione e cura, alla promozione del welfare aziendale sanitario e alla creazione di una mutua di Aime». La nomina è servita anche per tracciare il quadro della salute del comparto varesino della sanità privata.

Da una parte, infatti, si assiste a ingenti investimenti con l’apertura o la modernizzazione di diversi centri specializzati a colmare le lacune del pubblico e la crescente domanda di cura.

Dall’altro, invece, accadono casi impensabili come la chiusura della Quiete i problemi della residenza socio-assistenziale di Agra: «Il settore – afferma Ciavarrella – gode di buona salute e il territorio è ben coperto con punte di eccellenza. Purtroppo quanto accaduto in queste due realtà è invece colpa di una mala gestione. Il compito delle aziende sanitarie è quello di curare le persone e trarne il giusto profitto con serietà, senza tradirne la fiducia. In tal senso vogliamo essere da filtro e garanzia per attirare realtà di qualità e respingere quelle borderline».

Chiaramente soddisfatti per “l’acquisto” anche Armando De Falco e Gianni Lucchina, presidente e direttore di Aime Varese: «L’ingresso di una persona stimata e importante come Ciavarrella – hanno detto i due dirigenti – rappresenta l’ennesimo tassello di una visione e di una strategia di crescita di un’associazione dinamica, coinvolgendo un professionista di primo livello e con relazioni profonde nella città».