Codici verdi al Check Point

La Prealpina - 21/11/2020

 Il Check Point Clinico Avanzato di Areu sbarca a MalpensaFiere. Da ieri mattina, infatti, il polo fieristico di via XI Settembre ospita una delle due strutture mobili (l’altra è a Bresso) finalizzate a ridurre l’afflusso di pazienti in codice verde negli ospedali delle province di Varese, Milano, Monza Brianza e Como. Va immediatamente chiarita una cosa, a scanso di equivoci: al Check Point allestito davanti all’ingresso principale di MalpensaFiere possono accedere solo le ambulanze, non i cittadini con la propria auto.

TAMPONE E VISITA «Il servizio è gestito da Areu (Azienda regionale emergenza urgenza) e funziona in questo modo – spiega la dottoressa Sabina Campi, responsabile del 118 della provincia di Varese -. L’ambulanza va a casa del paziente, lo preleva e lo porta al check point per una prima valutazione clinica. Parliamo di pazienti in codice verde, con sintomi riconducibili al Covid ma in condizioni stabili e non particolarmente preoccupanti». In prima battuta, appena arrivato al Cpca, il cittadino viene sottoposto a un tampone antigenico (qualora non gli sia stata già riscontrata una positività al coronavirus), seguìto da una valutazione medico-infermieristica (controllo dei parametri vitali ed elettrocardiogramma).

CASA O OSPEDALE «Con tutte le informazioni raccolte – continua la dottoressa Campi – si decide se il paziente può tornare a casa, affidandolo al medico di medicina generale o se invece ci sia la necessità di ricoverarlo. In questo caso, viene portato nella struttura con maggior capacità ricettiva rispetto ai nostri ospedali che al momento sono in difficoltà». Al Check Point clinico è attiva un’équipe composta da un autista soccorritore, un tecnico, un medico rianimatore, un infermiere, più un altro infermiere di supporto che può trasferire i pazienti negli ospedali. Sono a disposizione cinque ambulanze fisse che vengono utilizzate per effettuare i trasferimenti nelle province più lontane (c’è chi viene trasportato anche nel Bresciano e nel Cremasco).

IL TRASLOCO Il Cpca è stato attivato l’11 novembre al Comando Nato di Solbiate Olona (dove da stamattina entrerà in funzione il punto tamponi). Ieri il trasferimento a MalpensaFiere, dove comunque (almeno nei prossimi giorni) sarà ancora possibile effettuare il test per rilevare il coronavirus. Il Cpca sarà operativo tutti i giorni, dalle 8 alle 20. Nei giorni scorsi nella struttura mobile di Areu sono stati trasportati mediamente trenta pazienti al giorno: di questi, il 40 per cento può tornare a casa. Un dato significativo, considerando che tutte queste persone – senza l’attivazione dei Cpca – sarebbero state portate negli ospedali, già ampiamente sotto pressione. Dunque, il Check Point Clinico Avanzato si sta rivelando un’efficace soluzione per diminuire gli afflussi nelle strutture del territorio. Intanto, negli ultimi giorni si è evidenziato un lieve ma costante calo del numero delle richieste di soccorso al 112/118 per problematiche respiratorie e infettive. Di conseguenza Areu ha potuto ridurre da tre a due i Cpca, uno dei quali è appunto quello di MalpensaFiere. Una volta trasportato il paziente, l’ambulanza viene immediatamente sanificata e torna disponibile per un nuovo servizio sul territorio.