Cassano Magnago Successo annunciato Poliseno è sindaco bis

La Prealpina - 12/06/2017

Nel quartier generale della lista Nicola Poliseno sindaco, in via IV Novembre, c’era un tranquillo ottimismo già intorno a mezzanotte e mezza. All’arrivo dei primi risultati il candidato del centrodestra viaggiava su percentuali che gli assegnavano la vittoria al primo turno. Lontanissimi gli avversari della Lega Nord, Giovanni Battistella, e del centrosinistra, Mimmo Mottura. Se il sindaco uscente si attestava mediamente sul 60 per cento, gli altri competitor si fermavano più o meno al 20.

Poco dopo l’una anche Poliseno si è sbilanciato, soddisfatto e pronto a festeggiare: «Quello che avevamo percepito si è poi realizzato. L’elettorato si è dimostrato sincero, abbiamo capito subito, durante la campagna, che c’era positività. Sembra siamo avanti in tutti i seggi a parte un paio ancora non chiusi definitivamente. In quelli storici, dove a livello statistico c’era la roccaforte della sinistra o della Lega, siamo primi. Non abbiamo ancora realizzato la grandezza di questa tornata. Si realizza un altro sogno. La nostra strategia, improntata all’unità, alla sintesi e alla semplicità, sta portando a un grande risultato. E’ un premio anche a quello che abbiamo fatto in questi cinque anni e a un programma che abbiamo costruito senza promettere la luna. Abbiamo inserito cose fattibili e utili. Il dato su tutti i seggi significa che la città ci ha letto bene. Non abbiamo zone dove non siamo stati apprezzati».

Così il capolista Angelo Palumbo: «Abbiamo dimostrato che le persone contano più dei simboli, che dove si fa la buona politica non c’è spazio per l’antipolitica, che una campagna corretta, senza citare gli avversari, è apprezzata dal cittadini. Gli elettori sono più intelligenti delle volpi di partito».

Poliseno ha votato, accompagnato dalla famiglia, poco dopo le 8.30 alle scuole Dante, mentre Battistella si è presentato con la moglie al suo seggio della scuola Rodari alle 11.30 e Mottura ha infilato la scheda nell’urna a mezzogiorno, alla scuola Orlandi. Poi, per tutti, una giornata passata tra visite ai seggi e telefonate, in un clima da tutti giudicato sereno.

L’affluenza ha fatto registrare un calo, rispetto alle amministrative 2012, di oltre sette punti: 55,44 per cento, per un totale di 9.904 votanti, contro il 62,58 per cento di cinque anni fa. Tanti i fattori che possono avere determinato il dato, dall’arcinota disaffezione dei cittadini verso la politica all’assenza dalla competizione elettorale del Movimento 5 Stelle. Una partecipazione al voto comunque superiore alle aspettative di Battistella, che a un’ora dalla chiusura dei seggi ipotizzava un’affluenza oltre il 50 per cento ma lontana da quella delle precedenti comunali. Contemporaneamente Mimmo Mottura si rammaricava per un astensionismo primo partito a Cassano. «La scelta della data – commentava Nicola Poliseno – praticamente in estate e con le scuole chiuse non ha certo incoraggiato la partecipazione». Una vittoria comunque netta, la sua, giunta al termine del primo quinquennio amministrativo e di una campagna condotta con una sola lista nella quale sono confluiti esponenti politici e della società civile. E gli elettori la hanno premiata.