«Case Nuove deve diventare una cittadella aeroportuale»

La Prealpina - 23/01/2017

C’è una idea che, dopo anni di accesi dibattiti, oggi trova d’accordo il consiglio comunale nella sua totalità: il futuro di Somma Lombardo si costruirà a Case Nuove, attraverso il rilancio della frazione come piccola cittadella aeroportuale votata al terziario avanzato e legata indissolubilmente alla sua contiguità con Malpensa.

Ora, secondo il consigliere del Pd Francesco Calò, è arrivato il momento di uscire dalle mura cittadine per coinvolgere l’intera filiera politica e imprenditoriale nel progetto di sviluppo di quell’area.

«Ho sempre sostenuto – dice – che la relazione tra il territorio e Malpensa fosse da ridiscutere mettendo su uno stesso livello i diversi attori: Stato, Comuni, Regione, Provincia ma anche i diversi settori». Dal ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda ai parlamentari del suo partito (ma non solo), dal Comune di Milano ai grossi nomi che rappresentano l’aviazione italiana. «Sono convinto che facendo sistema e squadra possiamo garantire un futuro a una frazione, città, provincia, regione e Stato. Mi piacerebbe organizzare un incontro con tutti questi attori. Chi mi dà una mano?».

L’appello del giovane esponente dem parte da elementi concreti e il primo è senza dubbio la presenza a Case Nuove dell’Istituto tecnico superiore a vocazione aeronautica, un fiore all’occhiello che negli anni scorsi ha ricevuto delegazioni di ministri italiani e stranieri. «Somma rientra nel distretto aerospaziale, dove importanti aziende costituiscono il futuro dell’aviazione mondiale, ed easyJet ha proprio al T2 la sua prima base continentale». Spiega Calò: «Case Nuove entro un anno, con le demolizioni già programmate, dovrà ridisegnare il proprio futuro. Ora mi domando se sia possibile fare sistema. E invito su questo punto sia i miei consiglieri regionali che i parlamentari, ma anche chi non è del mio stesso partito, a confrontarsi per capire se sia possibile che a Case Nuove nasca un centro europeo di training per quanto riguarda tutto ciò che è aviazione. Vorrei chiedere ai miei parlamentari di invitare il ministro per lo sviluppo economico proprio qui, per fargli vedere come su questi territori per esempio easyJet possa trovare spazio per un quartier generale dove poter formare anche piloti e tecnici, grazie a un investimento che lo Stato e in particolare Regione Lombardia ha voluto fare su questo territorio».