Camere di Commercio non accorpate a rischio commissariamento.

Altra Testata - 16/10/2019

Diciotto Camere di Commercio italiane, tra cui anche la Camera di Commercio di Ravenna, potrebbero presto essere commissariate.

PUBBLICITÀ

A diffondere la notizia, attraverso un comunicato stampa a firma congiunta , sono proprio i presidenti delle 18 Camere di Commercio “a rischio” perchè non ancora accorpate.

“Apprendiamo da fonti certe, perché direttamente interessate, che ci sia un imminente (ed in verità anche reiterato) tentativo di bloccare le Camere di Commercio che hanno fatto ricorso contro la riforma del sistema camerale scritta nel 2015 sotto condizioni di riordino del sistema istituzionale del Paese totalmente diverse. In primis la cancellazione delle Province, che come ben sappiamo poi non è avvenuta” – scrivono le 18 CamCom .

“Il tentativo – spiegano – consiste nel “Commissariare” le Camere che non si sono ancora accorpate in forza di un atto delegato del Governo uscito a dicembre 2016 (DLgs n. 219/2016) e del relativo Decreto Ministeriale del 16/2/2018. Tale “Commissariamento” verrebbe inserito con una norma specifica nel convertendo “Decreto Legge 3 settembre 2019, n. 101, recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali” che è attualmente in discussione ed approvazione in Senato”.

“Consideriamo questo tentativo come un ultimo, disperato ed antidemocratico atto di Unioncamere (che dovrebbe rappresentare TUTTE le Camere di commercio) suggerito al Ministero dello Sviluppo Economico, per bloccare quello che in “Democrazia” ed in uno “Stato di Diritto” è l’ordinario e corretto controllo, costituzionalmente riconosciuto (art. 25), sulle norme che il Parlamento approva che, se da chiunque ritenute contrarie all’ordinamento, sono impugnabili davanti alla magistratura che ha il “potere” di valutare se siano tali o meno” prosegue il comunicato congiunto.

Secondo quanto riportato nella nota inviata alla stampa, alcune Camere di Commercio (5), una Regione ed alcune Associazioni di Categoria hanno ricorso contro la normativa che vuole che le Camere si accorpino con altre e che scompaiano a beneficio di Enti racchiudenti da 2 a 3 territori provinciali. “A volte molto distanti tra loro e anche non confinanti, con assetti istituzionali e relazionali completamente diversi e soprattutto con sistemi produttivi totalmente differenziati, in termini di settori, numero imprese, loro dimensioni, quindi esigenze di aiuto e servizi specifici. I territori, specialmente quelli più piccoli, più deboli e più in crisi sarebbero i primi a soffrirne“- commentano le 18 Camere di commercio che si stanno opponendo in sede giudiziaria.

“Il ricorso ha prodotto che la magistratura amministrativa abbia ravvisato il fumus di incostituzionalità rimandando la decisione su un punto che è a forte rischio di illegittimità, perché attiene la leale e corretta collaborazione tra Stato e Regioni, sulla materia delle Camere di Commercio, che è considerata concorrente” proseguono le 18 Camere “ribelli” che si domandano: “perché Unioncamere vuol portare avanti questo maldestro e scorretto “Commissariamento” delle Camere che ad oggi non hanno concluso il processo di accorpamento, pur in presenza di una sospensiva per una decisione davanti alla Corte Costituzionale e poi eventualmente nel merito davanti al TAR del Lazio? ”

“L’Obiettivo è chiaro – concludono -. E’ quello di eliminare gli Organi “ribelli”, sostituendoli con un organo commissariale individuato “ad hoc” che ritiri i ricorsi (sia presso la Corte Costituzionale che il TAR) e proceda speditamente nella chiusura del procedimento di accorpamento.

Secondo le 18 Camere di Commercio:
1) la proposta di Commissariamento è illegittima, stante la sospensione dei giudizi davanti alla magistratura o le decisioni assunte dalle Regioni e stante il regolare funzionamento degli organi delle Camere di commercio;
2) il tentativo di estromettere gli organi legittimamente eletti con un Commissario che provveda a ritirare i ricorsi è conseguentemente illegittimo;
3) tali tentativi genereranno ancora più problemi e ricorsi rispetto ai benefici attesi dai promotori;
4) se il tentativo di Commissariamento portato avanti immotivatamente ed improvvidamente da Unioncamere dovesse andare a buon fine, stante il perseguimento di un fine illegittimo, comporterebbe le necessarie ed immediate dimissioni del Presidente e degli Organi in carica di questa, per giusta causa.