Busto, Matching facilita i nuovi percorsi di alternanza di scuole e imprese

Malpensa24 - 18/10/2019

Portare la freschezza di idee, la voglia di innovazione e lo spirito d’intraprendenza delle giovani generazioni in un’impresa, contribuendo al processo virtuoso di integrazione tra il mondo della formazione e quello del lavoro: sono le opportunità offerte dai Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (Pcto, nuova definizione dell’alternanza scuola-lavoro), al centro della seconda edizione del Matching Alternanza. La manifestazione promossa dalla Camera di Commercio di Varese, che MalpensaFiere ha ospitato a Busto Arsizio mercoledì 17 e giovedì 18 ottobre, è stato un importante momento di incontro tra scuole, imprese, professionisti ed enti per avviare nuovi percorsi di alternanza.

Un’iniziativa unica in Lombardia

All’evento orientativo a MalpensaFiere, iniziativa unica in Lombardia, si sono presentati in 23 tra istituti superiori e centri di formazione professionale di tutta la provincia e 70 imprese. Sono stati 232 gli incontri fissati in cui le scuole hanno illustrato i loro profili formativi, le modalità di organizzazione dell’alternanza, gli schemi di convenzione, ma anche esempi di precedenti esperienze da parte dei loro studenti. Non sono mancati eventi collaterali, come la sessione introduttiva in cui sono stata illustrate le iniziative della Camera di Commercio per incentivare in tal senso. Tra queste la nuova edizione del bando Voucher Alternanza che prevede una priorità (dal 21 al 31 ottobre) per le domande delle imprese presenti alla due giorni: sono previsti 800 euro per ogni azienda che coinvolgerà almeno due studenti per almeno 2 ore di tirocinio. I contributi diretti ammontano a oltre 200mila euro: ai 90mila euro stanziati si aggiungono i 120mila per il bando Project Work, dedicato ai lavori che coinvolgono gruppi di alunni.

Un strumento formidabile

«In questa seconda edizione da Varese ci siamo spostati a Busto Arsizio, vicino al cuore produttivo del territorio», ha spiegato Giacomo Mazzarino, dirigente della Camera di Commercio. «L’alternanza è uno strumento formidabile ma va usato nel modo giusto, momenti come questo facilitano l’impostazione del lavoro. Lo dimostra la presenza delle associazioni di categoria: hanno sposato il progetto a tal punto da incontrare qui le proprie imprese».
Paola Benetti, responsabile dell’alternanza scuola-lavoro per l’ufficio scolastico provinciale, ha posto l’accento su due aspetti fondamentali: «Sono la coerenza tra mondo esterno e apprendimento in azienda, e la concretezza, cioè quanto i ragazzi usciti una volta usciti dalle superiori possano poi pensare a una occupabilità. La manifestazione può dare continuità a tutto ciò per un importante momento formativo, che vale come attività curricolare».
Come ha dichiarato Fabio Lunghi, presidente dell’ente camerale varesino, «Matching Alternanza è un’iniziativa che s’innesta a trecentosessanta gradi in un’attività che, ormai da tempo, ci vede fortemente impegnati su questi temi. L’alternanza scuola-lavoro è un processo virtuoso: l’occasione per le imprese di accostare direttamente sul campo i giovani a ciò che fanno, ma anche di innovare i processi, realizzare attività di valore e promuoversi a tutto campo».