Busto I negozi ripopolano la piazza E cercano già personale

Aprono le prime attività commerciali nel complesso della Residenza del Conte, e già cercano personale: il nuovo centro di Busto fa sentire le sue prime ricadute positive. «E ci sono delle belle trattative in corso» rivela Monica Castiglioni, responsabile vendite per il Gruppo Soceba, l’impresa della famiglia Panico che sta completando le nove palazzine in stile liberty realizzate nel comparto ricompreso tra la piazza Vittorio Emanuele e la via Solferino. Il maxi-cantiere, aperto ufficialmente nel 2011, si sta ormai avviando verso la conclusione, con una prima parte delle palazzine e dei camminamenti pedonali interni che di fatto è già completata, mentre altre sono in attesa delle ultime rifiniture per poter vedere i primi ingressi. Tra maggio, giugno e luglio sono previsti i primi accessi dei residenti che hanno acquistato gli appartamenti, ma anche le prime aperture delle attività commerciali che hanno già stretto impegni con Soceba. A confermarlo, oltre ai cartelli “Prossima apertura” e “Opening soon” apparsi da qualche settimana sulle vetrine dei negozi già piazzati da Soceba, si è aggiunta da qualche giorno anche una locandina di ricerca di personale in vista della «nuova apertura» da parte di Lillapois, la catena di prodotti per la bellezza e la cura della persona e della casa che aprirà a giugno il proprio punto vendita proprio tra le vetrine della Residenza del Conte. «Stiamo cercando nuovi collaboratori» si legge sul manifestino che invita a far pervenire i cv dei candidati. Insomma, il nuovo complesso immobiliare è pronto ad offrire in vista dell’estate delle concrete opportunità anche per chi è in cerca di occupazione. Una buona notizia, in controtendenza con una situazione economica che è ancora lontana dal potersi dichiarare fuori dalla crisi. Oltre a Lillapois, come svela Monica Castiglioni, ci sono altri negozi che inizieranno già a ripopolare e rivitalizzare un pezzo di centro storico che per diversi lustri è rimasto bloccato e in preda al degrado e all’abbandono. Un allargamento del perimetro dell’isola pedonale che rivoluzionerà le abitudini dei bustocchi, e non solo, in particolare per le vasche dei giovedì sera e del sabato pomeriggio. Con la convinzione, da parte di Soceba, che una volta accese le vetrine e aperto il passaggio nei nuovi vicoli e piazze, si potrà sconfiggere anche quell’aura di diffidenza che ha sempre aleggiato attorno al complesso della Residenza del Conte.