Busto Arsizio Nuove aperture in centro fra abbigliamento e cibo

La Prealpina - 30/10/2017

In vista, sul fronte commerciale, c’è il Natale delle nuove aperture. Perché la situazione economica e il ritmo dei consumi stanno leggermente migliorando, così la scommessa di molti è aprire a ridosso delle festività per poter avviare una piccola impresa con un segno positivo a bilancio.

«Se ripenso a come stavano le cose cinque anni fa, oggi vedo una Busto molto più vitale su questo fronte», spiega Gaetano Spinola, manager del Distretto del Commercio. «Attirare investitori è più facile, nello stand che abbiamo organizzato di recente alla fiera Milano Franchising abbiamo catturato qualche imprenditore interessato a fare qualcosa in città senza troppa difficoltà. Insomma, sento un vento positivo che sta soffiando».

A brevissimo, dunque, Busto accoglierà alcune attività nuove. Un luogo ovviamente caldissimo è il nuovo complesso di piazza Vittorio Emanuele, che da settimana scorsa si è arricchito con l’avvio di un negozio di abbigliamento di una catena in grossa espansione, in questo caso nella sua versione dedicata ai bambini, che va a raddoppiare le presenze commerciali in un ambito finora popolato solo da un market di prodotti cosmetici e per la casa.

Ma la Residenza del Conte, probabilmente già a dicembre, abbraccerà anche un maxi ristorante del marchio Trattoria Caprese, in modo da attirare visitatori in un ambito che sarà un po’ il centro degli eventi natalizi anche grazie all’installazione nella piazza centrale della pista per il pattinaggio su ghiaccio. Proprio per questo motivo si sta realizzando un passaggio per l’accesso diretto anche da piazza Vittorio Emanuele, per non limitare l’afflusso alla sola via Solferino.

Questo entro l’anno, mentre nei primi mesi del 2018 sono previste altre inaugurazioni, visto che molti hanno già prenotato il posto da tempo e a breve inizieranno gli allestimenti.

In ogni caso le nuove insegne compariranno anche nel resto del centro. In particolare in piazza Santa Maria, al posto dell’ormai chiusa yogurteria all’angolo con la piazzetta interna, si sta installando un esercizio di abbigliamento. Anche un vicino bar procederà a un restyling, mentre su via Milano ferve il cantiere all’ex Benetton, anche se non è dato sapere quale categoria merceologica sia destinata a subentrare.

Questo per Natale, mentre in primavera dovrebbero esserci novità sostanziali sia al Cortiletto di via Cavour che in alcuni locali di piazza Garibaldi, in entrambi i casi con proposte legate al settore alimentare che si stanno sviluppando.

«Il fermento è grande – conclude Spinola – e in effetti mi pare che le uniche vetrine che restano spente a lunghe siano quelle in cui, secondo me, c’è una richiesta di affitto che i potenziali investitori non ritengono di poter accettare se poi devono far quadrare i conti. In ogni caso l’interesse a giocare la partita di un punto vendita a Busto mi sembra davvero promettente».