Business delle feste, 18mila addetti in provincia

La Prealpina - 03/04/2018

Sono circa 4 mila in provincia di Varese, per un totale di 18 mila addetti, le imprese coinvolte a vario titolo nelle vacanze pasquali. I dati sono forniti dalla Camera di commercio di Milano. Nello specifico, i settori della vacanza organizzata, con le agenzie di viaggio, valgono 25 milioni al giorno in Italia, di cui 6 milioni in Lombardia e 5 a Milano. Crescono le imprese legate al turismo e impegnate nell’accoglienza per gite e viaggi, con +6,7% in Lombardia in cinque anni. Si tratta di 58 mila imprese in Lombardia su 402 mila in Italia (+8,4%), con 295 mila addetti in Lombardia su 1,7 milioni in Italia. La Lombardia pesa per business nel settore alberghi, ristorazione e agenzie di viaggio con 12 miliardi all’anno su un totale nazionale di circa 45 miliardi, di cui 8 a Milano. Il capoluogo è primo con 20 mila imprese, in crescita del 15% in cinque anni, e 144 mila addetti, seguito da Brescia con 8 mila (+0,6%) e 38 mila addetti, Bergamo (6 mila, +5% e 25 mila addetti), Varese, Como e Pavia (circa 3 mila con 15 mila e 9 mila addetti).

In Italia al primo posto c’è Roma con 35 mila imprese (+19%) e 125 mila addetti, poi Milano, Napoli con 19 mila imprese (+15%) e 63 mila addetti. Seguono per le imprese nel settore dell’ospitalità: Torino, Salerno, Bari, Brescia, Venezia, Bolzano, Firenze, Genova.

Per Luigi Maderna, presidente Fiavet Lombardia, associazione delle agenzie di viaggio aderente a Confcommercio Milano, «ci sono dati positivi per i viaggi di Pasqua. I viaggi sono in miglioramento rispetto allo scorso anno, con un business che cresce del 5%. Fra le mete preferite per il viaggio organizzato, ci sono Italia, capitali europee, Spagna e Grecia. Le vacanze soprattutto al mare e nelle città d’arte, per 3-4 giorni. Coppie e famiglie sono in partenza. Si sceglie uno stacco per pochi giorni all’insegna della cultura o del riposo, senza allontanarsi troppo. Lo si fa spesso riscoprendo le mete turistiche del nostro Paese o del Mediterraneo».

Ma Pasqua è anche tempo di doni religiosi. Sono 718 nel 2017 le imprese italiane specializzate nel commercio di articoli religiosi e arredi sacri, in crescita del 4,2% rispetto al 2012 con circa 1.300 addetti e 33 milioni di business.

Per business, dopo Roma con oltre 20 milioni all’anno, ci sono Padova con 4 milioni, Bari, Venezia e Palermo con circa un milione. In Lombardia, Milano e Bergamo sono prime, cresce Brescia, mentre Varese è fra le meno sviluppate. Sono circa 50 le attività in regione, con un business annuo di oltre mezzo milione.