Bilancio Sea, il dividendo vola a 70 milioni

La Prealpina - 04/05/2017

Il dividendo distribuito da Sea, la società che gestisce gli aeroporti milanesi di Linate e Malpensa, è salito da 62,8 a 70,3 milioni di euro complessivi per l’esercizio 2016. E’ quanto ha deliberato l’assemblea dei soci, che si è riunita nella giornata di ieri per approvare il bilancio con un utile in crescita dell’11,7% a 93,6 milioni di euro. Il dividendo per azione sale così da 0,25 a 0,28 euro, con un rapporto di redistribuzione dell’80%, e sarà messo in pagamento a decorrere dal prossimo 26 giugno.

L’assemblea ha deliberato inoltre di nominare Michaela Castelli in sostituzione del consigliere dimissionario Arabella Caporello. Castelli resterà membro del Cda fino alla scadenza, prevista con l’approvazione del bilancio relativo all’esercizio 2018.

Positivo il trend di crescita del numero di passeggeri. Con 29 milioni di passeggeri il traffico registra, nel 2016, una crescita sul sistema degli aeroporti milanesi del 3,1% rispetto al 2015. Il traffico cargo in crescita del 7,2% rispetto all’esercizio precedente ha registrato 549,4 mila tonnellate di merci trasportate.

Nell’ultimo bimestre del 2016, venuto meno l’effetto di Expo sui dati 2015, l’incremento del traffico passeggeri è stato pari all’11,9% sullo stesso periodo del 2015, con un aumento che a Milano Malpensa ha raggiunto il 15,3% (incremento che diventa pari al 19,1% considerando il solo mese di dicembre).

Questo trend positivo si conferma anche nei primi quattro mesi del 2017, in cui il sistema Sea con 9,2 milioni di passeggeri registra una crescita del 10,4% rispetto all’anno scorso. In particolare l’aeroporto di Malpensa con 6,2 milioni di passeggeri registra un incremento nel quadrimestre del 14,3% e con una punta del 22% nel mese di aprile (record storico mese su mese).

L’andamento particolarmente positivo del traffico merci viene confermato anche nei primi quattro mesi del 2017. Con 192,8 mila tonnellate di merci trasportate il traffico registra un incremento pari al 14% rispetto al primo quadrimestre del 2016.