Bcc Buguggiate, Solbiati nuovo direttore

La Prealpina - 22/06/2022

E’ tempo di novità ai vertici di quella che è l’unica banca del territorio tra Varesotto e Altomilanese. Stiamo parlando della Banca di credito cooperativo Busto Garolfo e Buguggiate che ha nominato in questi giorni, il quarantottenne Roberto Solbiati come nuovo direttore generale dell’istituto; sostituirà Carlo Crugnola che si potrà godere la meritata pensione. Solbiati era già vicedirettore da quattro anni. La sua è una storia professionale che parte dalla gavetta.

«Ho un percorso interno alla banca – esordisce il neodirettore Solbiati – infatti, ho cominciato nel 2001 proprio dallo sportello bancario. Per me è stata una vera palestra. E’ stata poi la stessa banca a permettermi di crescere e di scegliere. Gli ultimi anni, insieme con Crugnola e lungo le linee indicateci dal consiglio di amministrazione, ho lavorato per disegnare il futuro della nostra Bcc attraverso una revisione dell’organizzazione interna e una sempre maggiore valorizzazione dei dipendenti. Questo ci permette oggi di avere un istituto che concretizza tutto il valore del Credito Cooperativo: afferma l’importanza della relazione con il territorio nell’ottica di ascolto, fiducia e crescita reciproca e afferma l’importanza del presidio. Ovvero dell’essere presente. Dove altri istituti hanno deciso di chiudere le proprie filiali, noi abbiamo investito potenziando le nostre. Agiremo nel solco della continuità».

Crugnola ha ricordato il difficile periodo della pandemia e l’entrata nel gruppo bancario di Iccrea. «L’essere parte di un gruppo, l’unico gruppo bancario a capitale interamente italiano, è sicuramente un’opportunità nell’ottica di dare sempre maggior sviluppo alla cooperazione del credito»: ha detto. Il Presidente della Bcc, Roberto Scazzosi ha rimarcato un aspetto fondamentale: la banca conferma una sua linea che è quella di coltivarsi all’interno il management, cioè a comandare sono persone cresciute all’interno del gruppo. Nel ruolo di vicedirettore il consiglio d’amministrazione ha scelto Annibale Bernasconi che ha 53 anni e arriva da una più che ventennale esperienza all’interno delle banche di credito cooperativo. Bernasconi ha ribadito l’attenzione dell’istituto bancario alle tematiche del welfare, tanto care proprio alle banche cooperative.