Aumentano i voli extra Ue

La Prealpina - 03/08/2021

Il ministero della salute fornisce un potenziale assist a Malpensa: con l’ultima ordinanza di luglio sono aumentate le mete extra-Ue raggiungibili per turismo (elenco D). Tra quelle attualmente coperte in aeroporto rientrano Albania (Tirana), Arabia Saudita (Riyadh e Jeddah), Azerbajan (Baku), Emirati Arabi (Abu Dhabi e Dubai), Libano (Beirut), Moldavia (Chisinau), Qatar (Doha), Ucraina (Kiev e Lviv) e Serbia (Belgrado). Nell’elenco D finisce inoltre il Regno Unito. Si conferma la presenza di altri Paesi già inclusi, quali Singapore e Stati Uniti. Sulla base della normativa, gli spostamenti da e per queste mete sono consentite senza necessità di motivazione. Restano due ostacoli. Primo, le procedure per chi arriva. Chi abbia soggiornato o sia transitato nei 14 giorni precedenti l’entrata in Italia in uno dei Paesi dell’elenco dovrà sottoporsi a tampone molecolare o antigenico negativo, effettuato nelle 72 ore prima dell’ingresso. Dovrà poi compilare il passenger locator form, comunicare l’ingresso al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente, raggiungere la destinazione finale con mezzo privato, sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 5 giorni, infine fare un ulteriore tampone (sul sito del ministero sono indicate alcune deroghe). Secondo: le limitazioni ancora presenti in molti Paesi. Il caso più lampante resta quello degli Usa. A Malpensa possono atterrare turisti americani, non vale il percorso inverso. Per poter capitalizzare l’assist ministeriale, serviranno quindi segnali di apertura dai Paesi ancora chiusi al turismo.