Arcisate-Stabio: Cantieri al lavoro a pieno ritmo

La Prealpina - 09/01/2017

E ora via a tutto gas. Sono ripresi, dopo lo stop dovuto al periodo delle festività, i lavori di realizzazione della ferrovia Arcisate-Stabio. In occasione dei periodici incontri al tavolo di monitoraggio, agli amministratori locali di Induno Olona, Arcisate e Cantello, che sono i Comuni interessati dai cantieri, è stato più volte confermato che il cronoprogramma è pienamente rispettato. Dunque, quello da poco iniziato sarà l’anno che vedrà la tanto attesa conclusione di questa importante opera, prevista appunto per dicembre del 2017. Manca poco al completamento dello scavo della galleria sotto la collina di San Bernardino, in territorio di Induno tra i rioni Pra’ da sott e San Salvatore. Nei prossimi giorni cadrà il diaframma tra questo tunnel naturale e quello artificiale contiguo, che raggiunge la via Ceresio all’altezza di via Vignetta. Avranno così termine i lavori più impegnativi in centro paese, per i quali è in funzione un impianto per la frantumazione delle rocce estratte.

Al Bidino, verso il confine con Varese, era stata aperta in dicembre una strada provvisoria nella zona industriale di Induno, realizzata sul sedime della ferrovia, sulla quale vengono deviati i veicoli mentre sono in corso i lavori di realizzazione di un grande collettore che convoglierà le acque piovane alla nuova vasca di laminazione ubicata prima del viadotto e da questa al fiume Olona. E’ previsto che i lavori di realizzazione della nuova condotta si concludano attorno alla metà di febbraio. Ad opera ultimata ci sarà un sovrappasso carrabile per collegare la zona attorno alla parrocchiale di San Paolo con il rione Broglio e quindi le statali 344 di Porto Ceresio e 233 della Valganna.

A poca distanza, su via Pavia, va prendendo forma la nuova stazione costruita a ponte sui binari.

Per quanto riguarda invece Arcisate, dove pure prosegue la costruzione della stazione in centro paese, si lavora anche alla realizzazione del sovrappasso di via Cavour, dove è chiusa la strada ed è stato creato un bypass provvisorio per consentire alle auto provenienti da via Matteotti d’immettersi in via Campi Maggiori. Prima di fine mese sarà aperta la nuova rotatoria tra le vie IV Novembre e Generale Cattaneo, dove è stato realizzato un altro sovrappasso al posto del passaggio a livello della vecchia tratta Varese-Porto Ceresio.