Anno nuovo, rotte nuove a Malpensa

La Prealpina - 27/11/2018

Egitto e Grecia, Tel Aviv e Los Angeles: tra certezze e rumors le nuove rotte per il 2019 a Malpensa. Iniziamo con le certezze. La prima è il nuovo volo combinato da Malpensa a Luxor-Hurghada di Air Cairo, la compagnia egiziana che ha registrato una significativa crescita a due cifre (più 53%) nel corso del 2018 per il suo traffico passeggeri da Malpensa (oggi le destinazioni servite sono Alessandria, Marsa Alam e Sharm-el-Sheikh). Le due destinazioni turistiche di Luxor e Hurghada saranno raggiungibili una volta alla settimana, il lunedì, da Malpensa.

Poi c’è Ryanair, che ha già programmato l’apertura del volo stagionale per Heraklion, in Grecia, con due frequenze settimanali a partire dal 19 giugno prossimo, mentre sempre il vettore irlandese chiuderà la rotta Malpensa-Sofia dal primo aprile e, sempre da aprile, “erediterà” definitivamente il volo per Berlino-Tegel, oggi operato da Laudamotion e già venduto da Ryanair. Sicura anche la nuova rotta di Ernest Airlines per Kharkiv, in Ucraina: due voli alla settimana dal 21 marzo. Ma per il 2019 ci sono già diverse indiscrezioni su possibili nuovi collegamenti in rampa di lancio da Malpensa. Alitalia, ad esempio, sarebbe intenzionata ad aprire una nuova rotta dalla brughiera all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv a partire dalla “summer 2019”. Lo riportano alcuni siti specializzati, citando fonti dell’Ufficio del Turismo israeliano.

Ma tutti gli occhi sono puntati su Air Italy. In attesa delle prossime inaugurazioni dei due nuovi collegamenti intercontinentali per l’India (giovedì 6 dicembre il volo per Delhi, il 13 dicembre quello per Mumbai, entrambi operati con tre frequenze settimanali da aeromobili Airbus A330), gli appassionati di aviazione cercano di capire quali saranno le prossime mosse del vettore nato dal matrimonio tra Meridiana e Qatar Airways. Il piano industriale punta ad aprire 50 rotte intercontinentali nei prossimi anni. Di certo per ora ci sono diritti di traffico e autorizzazioni già acquisite dalla compagnia, per i collegamenti con Hong Kong e il Canada (Toronto o Montreal), ma già girano voci di altre possibili destinazioni da aggiungere alla mappa, tra cui la Cina (Shanghai?) e altre tratte negli Stati Uniti (Los Angeles o San Francisco), dopo che lo “sbarco” in Sudamerica è stato reso possibile dall’accordo di code-share con la compagnia brasiliana Latam sulla rotta per San Paolo. Resta infine da capire se Norwegian, che lo scorso giugno ha sospeso l’attivazione del volo diretto Malpensa-Los Angeles per problemi con gli aeromobili, ritenterà la prossima estate con lo stesso progetto.