“Ambasciatore” a Lubiana

Un varesino alla guida dei rapporti parlamentari tra Roma e Lubiana. Matteo Bianchi, deputato della Lega e sindaco di Morazzone, è stato nominato responsabile della sezione bilaterale Italia-Slovenia dell’Unione interparlamentare.

«Si tratta di un organismo – ha spiegato Bianchi – che si propone di migliorare le diplomazie a livello dei rappresentanti democraticamente eletti in tutto il mondo. È stato costituito a fine Ottocento e la sua ambizione è quella di diventare un parallelo dell’Onu: in quest’ultima organizzazione siedono gli esponenti dei governi degli Stati, nell’Uip i parlamentari».

Una prima riunione dell’istituzione si tenne centotrenta anni fa a Parigi e i Paesi fondatori, oltre a Italia e Francia, furono Regno Unito, Belgio, Spagna, Danimarca, Ungheria, Liberia e Stati Uniti.

A scegliere Bianchi è stata una commissione guidata da Pier Ferdinando Casini, dal 2008 presidente onorario dell’Uip.

«Tra i nostri compiti – ha proseguito il deputato leghista – ci saranno il mantenimento dei rapporti con l’ambasciata italiana a Lubiana e con quella slovena a Roma, lo sviluppo del dialogo con i centri studi dei due Parlamenti e con i think tank privati soprattutto per quanto riguarda i temi economici, la moltiplicazione delle interazioni tra le rispettive Camere di commercio. Il mio primo passo? Innanzitutto cercherò di coinvolgere tutti i parlamentari interessati; poi si avranno scambi tra le delegazioni dei due Paesi e la partecipazione all’annuale Conferenza dell’Unione».

Per quanto riguarda la Slovenia, Bianchi ha già ricevuto l’appoggio di tre deputati: Vittorio Sgarbi (Gruppo misto), Guido Pettarin (Forza Italia) e Marco Di Maio (Partito democratico). Se i rapporti con la Svizzera sono stati affidati al pentastellato Cristian Romaniello, nella scelta dell’abbinamento Bianchi-Lubiana molto ha pesato il fascicolo Eusalp: «Avevo chiesto – ha concluso il segretario provinciale del Carroccio – di occuparmi di uno dei Paesi del centro Europa appartenenti alla macroregione alpina. In questo quadro è molto importante la nostra interazione con la Slovenia, con cui l’Italia sviluppa rapporti quotidiani di cooperazione e di commercio. Ho già avuto modo di approfondire tanti temi della macroregione anche come componente della commissione parlamentare sulle Politiche dell’Unione europea; il fatto che Eusalp sia quest’anno guidata dalla presidenza lombarda può essere senz’altro un valore aggiunto. Per quanto riguarda Lubiana partiamo da una lunga amicizia presente tra i due Paesi. Consolideremo questa cooperazione e cercheremo di svilupparla, nell’interesse soprattutto dei nostri territori di confine».