Altri trenta posti barca I diportisti fanno festa

La Prealpina - 25/07/2016

i sono anche i Comuni di Luino e di Maccagno con Pino e Veddasca tra i municipi che si affacciano sul lago Maggiore beneficiari di un finanziamento regionale di 3,5 milioni di euro che il Pirellone ha stanziato per la valorizzazione del demanio lacuale e lo sviluppo della navigazione turistica e di linea. Si tratterà, nello specifico, di opere da realizzare con le autorità di bacino con l’obiettivo di riqualificare i porti regionali e i pontili ma anche qualificare le passeggiate sui laghi. A Maccagno sono previsti altri trenta posti barca. «Nel nostro caso -spiega il sindaco di Luino Andrea Pellicini– si tratta di un cofinanziamento regionale pari a 55mila euro per la realizzazione dei nuovi sistemi di erogazione di acqua e di energia elettrica ai concessionari dei posti barca; 25mila euro serviranno invece per la gru al porto nuovo in zona Lido. Inoltre abbiamo appena terminato il primo lotto di lavori al porto Lido con la sostituzione dei pontili, mentre il secondo lotto, per un costo di 80mila euro, partirà in autunno. L’ammodernamento dei sistemi portuali è molto importante per una città come Luino che è il paese del lago Maggiore con il numero maggiore di posti barca. Sono circa 300, infatti, se consideriamo il porto privato, punto di riferimento per gli appassionati di nautica del nord Europa. Anche l’apertura dell’ufficio porti in città è stata molto apprezzata». Gli interventi previsti sui laghi lombardi sono in totale 23 e oltre al lago Maggiore, interesseranno anche i bacini di Comabbio, Monate, Varese, Iseo, Endine, Moro, Lario, Ceresio, Piano e Ghirla. Il finanziamento regionale favorisce la realizzazione di 23 nuovi interventi che saranno avviati e realizzati nell’arco del biennio 2016/2017 per un costo complessivo di 6,5 milioni di euro. Al contributo regionale di 3,5 milioni di euro devono sommarsi altri tre milioni di euro quale contributo dei Comuni rivieraschi interessati dagli interventi. Il finanziamento regionale, infatti, copre una parte del costo dell’opera, mentre la restante parte viene assicurata dal Comune interessato, che propone e realizza l’intervento attraverso l’Autorità di bacino lacuale competente.

A Maccagno con Pino e Veddasca sono previsti interventi per il completamento del porto della Gabella con la realizzazione di nuovi 30 posti barca pubblici.

«Questo finanziamento regionale -precisa il sindaco Fabio Passera– interesserà l’ultimo lotto dei lavori al porto. In pratica sarà realizzata una sorta di pontile galleggiante che sarà posto sotto il muro di contenimento della strada. In questo modo verranno realizzati 30 nuovi posti barca. L’importo dei lavori è di 250mila euro e metà della spesa sarà a carico del Comune, “spalmata” su due bilanci di esercizio.

L’appalto sarà fatto dall’Autorità di bacino e i lavori dovrebbero partire nel corso di quest’anno: i nuovi posti dovrebbero essere pronti per la primavera del 2017».