Alla Camera di Commercio la regia del risanamento del lago, Azzate dice sì

Varesenews - 17/11/2020

Potrà essere la Camera di Commercio di Varese a veicolare le risorse e a dare una visione d’insieme del progetto di riqualificazione del lago di Varese. Il Comune di Azzate questa sera, lunedì 16 novembre, ha espresso parere favorevole alla “nomina” dell’ente varesino come mediatore del grande del programma “sull’accordo quadro di salvaguardia e risanamento del Lago di Varese”.

Camera di Commercio potrà essere, secondo l’amministrazione di Azzate,  l’ente “sovracomunale” che coordinerà la redazione di uno studio di inquadramento territoriale e paesaggistico finalizzato a promuovere la fruibilità del lago di Varese e della pista ciclabile ciclabile e pedonale.

La decisione assunta dal consiglio comunale di Azzate, con il voto unanime della maggioranza e l’astensione dell’opposizione, dovrà poi vedere l’approvazione degli altri comuni coinvolti dal progetto, ovvero tutti quelli che si affacciano sulle rive del lago di Varese più, per esplicita richiesta degli interessanti, Daverio, Inarzo e Comerio. Sono invece usciti dal Programma d’azione Aqst Casale Litta e Casciago.

 

Il Programma d’azione che coinvolge Regione Lombardia e il Politecnico di Milano, prevede la redazione di uno studio sulla situazione delle rive del lagol’identificazione delle peculiarità e le caratteristiche presenti in ogni Comune e l’individuazione dei possibili interventi. Il tutto dovrà essere inserito in un progetto complessivo che mantenga una visione unitaria dal punto di vista territoriale e paesaggistico.