Agente immobiliare, l’etica di un lavoro

La Prealpina - 12/12/2019

«Cercare di percepire, come agenti immobiliari, le esigenze attuali dei consumatori e riuscire ad adeguarsi per accattivarsi il loro consenso». Sono le capacità che deve possedere oggi questa figura professionale, secondo la visione che il presidente nazionale Fimaa, Santino Taverna, ha esposto ieri al convegno “Mercato immobiliare e territorio: come attivare la ripresa”, svoltosi a Ville Ponti. È un appuntamento consueto di fine anno dedicato agli associati di Fimaa Confcommercio, che in provincia di Varese sono 380. «Siamo in un Paese in cui la stragrande maggioranza dello stock immobiliare non corrisponde fedelmente a quanto è stato licenziato dai Comuni», ha sottolineato Taverna, «e il lavoro dell’agente immobiliare va proprio in questa direzione, per tutelare i fruitori del nostro servizio. Deve cioè fare tutte le verifiche necessarie affinché l’acquirente, che investe i risparmi di una vita, sia tutelato nella compravendita di un immobile che deve rispondere a quanto licenziato dalle amministrazioni locali e a quello che è accatastato all’agenzia del territorio». Una visione etica, sottolineata nei saluti introduttivi anche dal presidente Ascom Giorgio Angelucci. «Il presidente Taverna s’è preso a carico una categoria sindacale importante», ha specificato, «e oltre ai numeri ha dato dei contenuti in termini di etica e di professionalità, oltre che di senso d’appartenenza al sindacato». L’importanza di questo comparto per l’economia locale è stata sottolineata dal presidente della Camera di commercio, Fabio Lunghi: «È un settore che ha un osservatorio privilegiato sul mercato immobiliare del nostro territorio, su cui la Camera di commercio ha una grande attenzione, lavorando sulle aree dismesse e sulla rivalutazione della città di Varese come luogo dove è bello vivere e a due passi da Milano». Il sindaco Davide Galimberti ha sottolineato, in particolare, la ripresa economica già in essere in questo territorio. Durante il convegno è stata consegnata una targa a Fabio Lunghi e la stella d’oro a Fabio Minazzi, docente di Filosofia della scienza all’Università dell’Insu – bria, artefice del corso universitario di alta formazione per agenti immobiliari. Consegnate inoltre le pergamene agli agenti “esemplari” Sandra Farinella, Antonella Barbitta, Laura Cantoni, Mariella Dambrosio e Davide Riso