Accordo storico fra Whirlpool e sindacati «Azioni più mirate e flessibili per il locale»

La Provincia Varese - 17/06/2016

Un accordo storico quello firmato ieri tra Whirlpool Corporation e i sindacati della regione europea, che porta alla creazione di un nuovo Comitato dei dipendenti di Whirlpool Europe che si chiamerà Weec. L’accordo che è stata raggiunto in tempi rapidi e con il consenso di tutte le parti coinvolte, conferma anche in questa occasione, la bontà del sistema di relazioni industriali della multinazionale americana degli elettrodomestici, da sempre attenta al dialogo con le parti sociali. Il nuovo Comitato dei dipendenti Whirlpool Europe che rappresenta un importante strumento di confronto tra azienda e sindacati, sarà costituito da un organismo unico composto da trenta membri, in sostituzione dei precedenti comitati separati rispettivamente di Whirlpool e Indesit, che si riunirà annualmente e da un Comitato più ristretto, composto da nove membri, che si riunirà con cadenza trimestrale. Il Weec secondo quanto previsto dalle normative europee, avrà diritti di informazione e consultazione mantenendo le negoziazioni a livello locale, per azioni più mirate e flessibili. Secondo una logica di inclusione e coinvolgimento e andando oltre le normative vigenti, agli incontri annuali saranno invitati anche i rappresentanti di Paesi quali Russia, Turchia e Sudafrica, i quali, pur essendo extra europei, rappresentano una parte importante di Whirlpool nella regione Emea, nella strategia e nel business della multinazionale americana che ha il suo fulcro produttivo in provincia di Varese. «Abbiamo firmato un accordo storico, una tappa fondamentale per la storia di Whirlpool Emea – commenta Esther Berrozpe, presidente di Whirlpool Emea, vicepresidente esecutivo di Whirlpool Corporation e presidente del Weec – da sempre il Weec gioca un ruolo chiave all’interno della nostra strategia delle relazioni industriali, aiutandoci a collaborare con i sindacati che per noi rappresentano importanti business partner con cui costruire insieme il nostro futuro». L’accordo sarà pienamente operativo a partire dal primo luglio 2016