«Abusivi? Copiamo Ravenna e Cervia»

IL CASO. Il responsabile di Fratelli d’Italia “chiama” l’assessore alla Sicurezza
«Abusivi da contrastare. Prendiamo esempio da Ravenna e Cervia». La proposta di Francesco Attolini, responsabile cittadino di Fratelli d’Italia, per fronteggiare l’abusivismo in città. «Un modello che mi piacerebbe si copiasse è il modello Ravenna-Cervia antiabusivi – il suggerimento di Attolini all’assessore alla sicurezza Max Rogora – sono stato a Cervia una settimana in vacanza e non ho incontrato un abusivo, i cosiddetti “vu cumpra’“ né di giorno né di sera. Questo perché a maggio la Prefettura di Ravenna ha orchestrato un’operazione insieme a Camera di Commercio e Polizia Locale dispiegando agenti nelle spiagge e nelle strade coprendo una lunghezza di oltre 30 km di litorale». Tornando a Busto, invece, Attolini è costretto a trovarsi gli abusivi sulle strade, in particolare parcheggiatori abusivi. «Ogni tanto l’Italietta ce la fa e debella fenomeni incancreniti e cronici – sottolinea Attolini – a volte la soluzione è tutta italiana. Rimane pur vero che questi abusivi si saranno riversati su altri lidi ma di questo è responsabile chi ha voluto l’immigrazione scellerata che è sotto gli occhi di tutti.
Quantomeno questi abusivi che non hanno trovato terreno fertile nei lidi Ravennati e di Cervia hanno imparato a rispettare la legge Italiana, e questo non è poco». Un modello che merita di essere importato, secondo Attolini: «In questa Italia che sembra non migliorare mai, quando ce la facciamo è giusto farlo sapere, si sa mai che sia contagioso». A.Ali.