774 le imprese “giovani” a Varese Lo dice la Camera di Commercio

La Provincia Varese - 08/09/2016

Sono 65 mila le imprese “giovani”, ovvero quelle guidate da imprenditori under 35, di cui quasi 10 mila in Lombardia, nate nel nostro Paese nei primi sei mesi del 2016. Un dato significativo che emerge anche in provincia di Varese, dove nel primo semestre di quest’anno sono nate 774 imprese, che rappresenta il quarto migliore risultato a livello regionale, alle spalle di Milano con 3.538, Brescia con 1.190 e Bergamo con 971. A rivelarlo è un’indagine compiuta dalla Camera di Commercio di Milano che ha elaborato i dati del registro imprese al secondo semestre 2016. Entrando nel dettaglio della situazione in provincia di Varese, emerge che il peso delle aziende guidate da imprenditori under 35 è del 31% sul totale. Di fatto, quasi un’impresa su tre di quelle che hanno preso avvio tra gennaio e giugno 2016 sono guidate da giovani. Un dato che conferma quanto il mestiere di imprenditore sia radicato tra gli under 35 varesini. Il “peso” della nostra provincia da questo punto di vista, a livello nazionale, è dell’1.2%. All’interno dei giovani imprenditori varesini quanto è numerosa la componente femminile? Dall’indagine dell’ente camerale milanese emerge che il peso delle imprenditrici è maggiore tra le aziende “giovani”, piuttosto che tra quelle “non giovani”, fondate nel primo semestre di quest’anno. Delle 774 nuove imprese “giovani” 2016, 206 sono guidate da imprenditrici under 35, con un peso del 27% sul totale. Peso che scende al 25% se consideriamo le aziende guidate da imprenditrici over 35; su 1725 totali, le imprese “rosa” sono 428. Ultimo dato preso in considerazione dall’indagine milanese, la componente delle imprese giovani guidate però da imprenditori stranieri che hanno scelto la provincia di Varese come sede della loro attività. Anche in questo caso, il peso della componente straniera è molto più forte tra le aziende guidate da under 35 piuttosto che tra quelle “non giovani”. La percentuale delle imprese “giovani” e “straniere” sul nostro territorio nel primo semestre 2016 è del 23.5%; percentuale che cala al 15.7% tra le aziende non giovani, guidate da over 35